UNA QUALUNQUE

Mary L’Abbate

 

Introduzione

Sono una qualunque. 

Come vedi sono qui 

Ti ascolto ancora 

Mi nutro e mi avveleno ancora 

Mi agito e mi quieto.

Sono una qualunque.

Sei la mia schiavitù e la mia libertà.




Questo testo non ha ancora capitoli... segui Mary L’Abbate per ricevere aggiornamenti nella tua ReadRoom.

RICERCA


CONDIVIDI SU FACEBOOK

CONDIVIDI SU TWITTER